Lettori fissi

giovedì 1 novembre 2012

Guerzoni

Oggi vi parlo dell'azienda agricola Guerzoni:



La loro storia ha inizio da nonno Arduino e nonna Zina. Dopo tanti anni di lavoro nelle campagne della bassa modenese, con i risparmi di una vita sono riusciti ad acquistare un vecchio casolare circondato dalla vigna. Il figlio Felice, con la moglie Iride, ha dato inizio alla progressiva conversione delle vigne verso il Biologico e il Biodinamico. Negli anni '70, era considerata una pazzia. Il profondo rispetto per la natura ha permesso di superare tutte le difficoltà. Nei primi anni '80, la loro azienda agricola, quando ancora in Italia la certificazione biologica non esisteva, rispettava i disciplinari biodinamici tedeschi. La certificazione, in quei tempi, era quindi rilasciata da un ente di controllo tedesco (Demeter). Negli stessi anni è cominciata la produzione dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. Tutt'oggi la loro acetaia è l'unica al mondo ad essere certificata Biologica e Biodinamica. Questo è forse uno dei nostri più grandi vanti. 
La loro missione è di produrre prodotti fedeli alla tradizione con l'intento di trasmettere a tutti il gusto del passato e lo spirito dei nostri nonni, che non piegavano la natura al loro volere con i prodotti chimici o con le tecniche invasive, ma la ascoltavano e si lasciavano guidare da essa.

L'azienda agricola Guerzoni è legata alla storia della famiglia Guerzoni, che da sempre coltivano la terra. 




Oggi sono rimasti in 3 a continuare la tradizione di famiglia: Felice, Iride e Lorenzo. Probabilmente avrete incontrato Iride nei mercatini biologici di tutta Italia: non si stanca mai di andare in mezzo alla gente a vendere i loro prodotti e raccontare la loro storia così unica. 
Lorenzo, invece, conoscendo un po' l'inglese viaggia per fiere all'estero.
Non perdete l'occasione di andare a Concordia per parlare con Felice. Lo troverete sempre indaffarato a curare la vite. Non ama lasciarla sola e al massimo si sposta di pochi chilometri.




Il termine "agricoltura biologica" indica un metodo di coltivazione e di allevamento che ammette solo l'impiego di sostanze naturali già presenti in natura. Non ammette l'impiego di sostanze di sintesi chimica (concimi, diserbanti, insetticidi). I loro vigneti sono tutti coltivati con il metodo biologico fin dalle origini. Da allora a oggi tutti i loro sforzi sono indirizzati alla salvaguardia e alla fertilità naturale del terreno. 
Oggi il metodo di agricoltura biologico è molto conosciuto e normato con precisione in quasi tutti gli stati del mondo. I loro prodotti rispettano le normative Americane (NOP), le normative Europee e le normative Giapponesi (JAS).






Le materie prime di origine Biologica sono certificate dall’organismo “ICEA” secondo gli standard Europei, Canadesi, Statunitensi e Giapponesi. L'ICEA garantisce l'utilizzo di materie prime provenienti da vigneti non geneticamente modificati (no OGM ).
Qualità Certificata da Demeter
Le materie prime di origine Biodinamica sono certificate da Demeter. Il marchio è nato del 1927 per rendere riconoscibili i prodotti che esprimono un modo nuovo di percepire, pensare e collaborare con le forze della Natura.


Qualità Certificata da CSQA
Per garantire l’alta qualità della produzione, a tutela dei consumatori, l'Aceto Balsamico di Modena IGP ha ottenuto la certificazione relativamente ai metodi di preparazione, affinamento o invecchiamento, secondo quanto disposto dal Disciplinare CABM e dal D.M. del 18 novembre 2004. Tale certificazione è accreditata daCSQA secondo il DTP 075 (Cert. n. 3450).


Qualità Certificata da Cermet
Il Cermet salvaguardia il mondo dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP. Il prodotto da anni è salvaguardato dalla denominazione di origine protetta. Il Cermet non salvaguardia solo il prodotto ma l'intero patrimonio culturale e di tradizioni modenesi. L'uva, inoltre, deve provenire da vigneti del territorio modenese.





1 commento:

  1. Interessanti queste informazioni, poi l'aceto balsamico è buonissimo

    RispondiElimina